In onore della Festa donna, abbiamo deciso di parlare dell'impatto che il Fast fashion ha sui diritti delle donne. Qual è il collegamento?

Cominciamo spiegando cos'è il Fast Fashion. Questo termine è stato coniato dal New York Times negli anni '90, quando il primo negozio Zara sbarcò negli Stati Uniti comunicando che la sua missione era quella di impiegare solo 15 giorni perché un capo passasse dalla fase di progettazione alla vendita in negozio. Questo aprì le porte alla sovrapproduzione, al consumismo e allo spreco, seguendo le orme della cultura del materialismo e dell'usa e getta.

Negli ultimi 15 anni, la produzione di abbigliamento è raddoppiata a livello globale. A questo ritmo di produzione, una domanda è lecita: chi fa i nostri vestiti, allora?

Il nuovo modo di pensare, eredità del consumismo sfrenato degli anni '80 ha alimentato la macchina di sfruttamento dell'industria, facendo dissociare i consumatori dalle stesse persone (per lo più donne) che fanno i loro vestiti e le conseguenze ambientali di un sistema che si basa su cicli così rapidi.

Quello che non sappiamo è che l'industria del fast fashion è stata costruita sullo sfruttamento delle donne nere, brune e indigene e sul loro lavoro, e che la maggior parte dei lavoratori dell'abbigliamento sono donne asiatiche e del sud-est. Secondo i dati, l'85% dei lavoratori dell'abbigliamento sono giovani donne tra i 18-24 anni che guadagnano meno di 3 dollari al giorno.

Movimenti globali della moda come Fashion Revolution e Re/Make hanno sensibilizzato l'opinione pubblica sulle donne che stanno dietro ai nostri capi, sulle loro condizioni di lavoro e sui bassi salari con campagne d'impatto come #WhoMadeMyClothes e #WearYourValues che chiedono trasparenza e responsabilità alle grandi aziende del fast fashion.

Lo sapevi che....

I marchi del fast fashion sono anche complici nel perpetuare la disuguaglianza di genere e la violenza e le molestie di genere su cui l'industria è stata costruita. Sapendo che i loro capi, per lo più uomini, sono esenti da punizioni, c'è più paura nel denunciare gli abusi.

Cosa sta succedendo nel mondo?

Dopo un anno di lockdown e licenziamenti a causa Covid-19, le lavoratrici dell'abbigliamento in Myanmar sono al centro delle proteste in corso contro un colpo di stato militare che chiede il ripristino della democrazia.

L'Organizzazione internazionale del lavoro stima che tra i 600.000 e 790.000 posti di lavoro dei lavoratori dell'abbigliamento siano stati colpiti dall'inizio della pandemia. Ecco, quando vedete i marchi del fast fashion celebrare l'empowerment delle donne, ricordate che sono loro ad alimentare lo sfruttamento.

Per chi non lo sapesse…

L'ecofemminismo è un movimento che esplora la connessione tra l'oppressione delle donne e la distruzione della natura, come conseguenze del patriarcato, del capitalismo e della supremazia bianca.

Secondo Lissa Brown, un'attivista femminista e co-fondatrice del collettivo free art, "l'ecofemminismo è una sfaccettatura integrale del movimento delle donne perché affronta la separazione tra le donne e Madre Natura, e lo sfruttamento di entrambe".

Le donne costituivano la maggioranza che ha abbracciato 2.000 alberi per protestare contro l'abbattimento di Uttarakhand, in India. In effetti, le donne che hanno agito contro la distruzione ecologica sono particolarmente consapevoli della connessione tra gli abusi patriarcali e la natura.

L'ecofemminismo sostiene lo smantellamento del patriarcato per proteggere sia il pianeta che la società per le generazioni future, il nostro pianeta e la vita stessa.

Fonti:

Schiro, Anne-marie. “Fashion; Two New Stores That Cruise Fashion’s Fast Lane.” The New York Times, 31 Dec.1989

Reichart, Elizabeth, and Deborah Drew. “by the Numbers: The Economic, Social and Environmental Impacts of ‘Fast Fashion.’” World Resources Institute, 8 Sept. 2020.

“Human Rights.” The True Cost

“Violence in he Garments Industry: infographic.” Global Fund for Women, 25 Apr.2019

“Pay Your Workers”. Clean Clothes Campaign, 2 Mar. 2021

Who Made My Clothes Archives” Fashion Revolution.

% B% d,% Y — Kauri Store